The Winter Wonderland Book tag

In pieno inverno, in pausa fra le feste, vorrei rispondere a questo breve tag che ho trovato su Universi Incantati.

Materiale necessario per la lettura: plaid per restare al caldo, un tazzina di tè (il tag è molto breve), una finestra da cui sbirciare un paesaggio innevato.

1. Quale libro è così allegro e dolce che ti scalda il cuore?

In cerca di Alice

È una storia d’amore reale e concreta, che racconta di cosa accade dopo il “E vissero tutti felice e contenti” senza però dimenticarlo. Il momento in cui Alice scopre di essere incinta continua a commuovermi ad ogni lettura.

 

2. Qual è il tuo libro preferito con una copertina bianca?

Il 90% dei “Coralli” Einaudi. Volendo sceglierne uno: La chimera di Sebastiano Vassalli.

In un villaggio padano del Seicento, cancellato dalla storia, si consuma la tragica vita di Antonia, strega di Zardino. Dalla nebbia del passato riemergono situazioni e personaggi a volte comici e persino grotteschi, a volte colmi di tristezza.

Un romanzo storico che racconta l’Italia di ieri, di oggi e di domani. Un’altra pietra miliare della letteratura italiana.

3. Sei seduto su una bella sedia comoda, indossando un pigiama, con una tazza di cioccolata calda ma quale mostruoso libro stai leggendo?

Le luci di Settembre

Una fiaba moderna, scritta pensando a giovani lettori ma adatta a chiunque. Se volete approfondire ho scritto una recensione che troverete qui. Era notte, fuori iniziavano ad arrivare i primi freddi e ho letto questo romanzo sul divano, sotto la coperta, con la sola compagnia di una buona tazza di tè. La cornice nella quale ero immersa ha dato maggiore risalto alla storia. Sono riuscita ad immergermi totalmente, l’ho vissuta in prima persona: qualche brivido mi è corso lungo la schiena (sono una persona facilmente impressionabile). Quel misto di paura e calore mi ha fatto tornate indietro nel tempo, quando leggevo Piccoli brividi nella stanza che condividevo con mio fratello.

4. Ha iniziato a nevicare e hai deciso di fare una battaglia a palle di neve! Quale personaggio ti farebbe compagnia?

Sicuramente Meg, Jo, Beth e Amy. L’inverno e la neve sono legate strettamente alla mia infanzia. E tuttora, quando vedo scendere i primi fiocchi di neve, ho lo stesso sguardo di quando leggevo Piccole Donne per la prima volta.

 

5.  Purtroppo, il fuoco nel camino sta per spegnersi. Di quale libro strapperesti le ultime pagine per gettarle nel fuoco?

Ho pensato molto a questa domanda: romanzi dai finali così fastidiosi o insulsi da volerli gettare nel fuoco non me ne sono venuti in mente. Ho spulciato così nella mia libreria sperando di trovare l’ispirazione e ho ritrovato il libro che giustamente avevo cercato di dimenticare: Alle fonti del Nilo di Wilbur Smith. La cultura egizia, le sue valli fertili lungo il Nilo circondate dal deserto, mi hanno sempre affascinata. Per questo mi rammarica molto che in letteratura e al cinema difficilmente vengano rappresentati con realismo. Quando adolescente lessi la prima volta Figli del Nilo, mi sembrò straordinario, pur non essendo perfetto. In breve tempo recuperai anche Il dio del fiume e Il settimo papiro. Erano letture leggere, avventurose e adulte in molti passaggi e ne conservo un piacevole ricordo. Nel 2007 all’uscita di Alle fonti del Nilo era davvero entusiasta. Certamente ero cresciuta, i miei gusti letterari erano cambiati e migliorati. Pur consapevole di tutti questi limiti non mi sarei mai aspettata di trovarmi di fronte ad una simile vicenda: un’amara delusione. Dopo aver scritto queste righe brucerò metaforicamente il quarto capitolo del Ciclo egizio e tornerò a dimenticarmene.

6.  Quale libro vicino al tuo cuore regaleresti a qualcuno che non ama leggere?

Credo dipenda molto dall’età della persona da convertire.
Per un bambino sceglierei Nel regno della fantasia con protagonista Geronimo Stilton. Come non si può restare affascinati dell’impaginazione dei suoi romanzi?

Per un adolescente che non ha mai letto nulla sceglierei la Trilogia di Hunger Games.

Per un adulto invece, Il Mastino di Baskerville di Arthur Conan Doyle.

Ho cercato di scegliere romanzi non banali e fini a se stessi ma dalla scrittura semplice e dalla trama avvincente che come piccoli antipasti possano risvegliare la fame di lettura.


La tazzina di tè si è svuotata, la coperta si è riscaldata e il tag è finito. Spero vi abbia tenuto un po’ di compagnia.
Mi farebbe piacere conoscere le vostre scelte. Voi come avreste risposto?


Ecco i link per acquistare tutti i libri di cui vi ho parlato:

In cerca di Alice

La chimera – Sebastiano Vassalli

Le luci di settembre

Piccole donne

Alle fonti del Nilo

Nel Regno della Fantasia. Ediz. speciale

Hunger games. Trilogia [Edizione Tascabile]

Sherlock Holmes. Il mastino dei Baskerville. Ediz. integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *