Hello Spring book tag

È iniziata la primavera e con lei riprendono le mie lettura all’aperto, con il profumo di erba tenera nelle narici. E dopo aver risposto alle domande de “The Winter Wonderland Book tag” questo inverno, il blog e l’autrice si prendono una piccola pausa per rispondere ad una serie di domande fiorate trovate su La spacciatrice di libri e Il libro incantato.

Materiale necessario per la lettura: tablet oppure cellulare per poter leggere l’articolo nel giardino più bello della vostra città, una tazza di caffè d’asporto e un paio di occhiali per poter osservare il cielo azzurro.


1. L’inverno è finito. Quale libro lanceresti nel camino insieme alla rimanenza della legna da ardere?

Segreti, bugie e cioccolato – Amy Bratley

Ironicamente questa stessa domanda è presente anche nel tag invernale. In quel caso avevo risposto Alle fonti del Nilo, ma una recente lettura ha preso il suo posto. Si tratta di Segreti, bugie e cioccolato. Se volete conoscere la mia opinione le ho dedicato un Pezzi di carta molto divertente.

2. Tra i tuoi libri, qual è quello che fa subito primavera?

Il magico potere del riordino – Marie Kondo

Associo questo periodo dell’anno alla parola leggerezza. Osservando fuori dalla finestra il cielo scollarsi di dosso le pesanti nuvole invernali, gli alberi tingersi di colori chiari, l’aria diventare più frizzante e tiepida sono portata ad imitarla. Cerco nell’armadio tessuti più leggeri e colori più vivaci. Ascolto musica più allegra, inizio a cucinare piatti freddi. Mi scrollo il dolce torpore dei mesi invernali. Queste sensazioni non corrispondono a nessun libro di narrativa, ma sono racchiuse ne Il magico potere del riordino. So che si tratta di un libro molto particolare, la cui filosofia non si sposa con ogni carattere. Ma leggendo le sue pagine e abbandonando la zavorra del passato, mi sono sentita subito più leggera.

3. Immagina una giornata soleggiata, dopo mesi di tempaccio e di freddo: quale libro ti farebbe compagnia?

Gli anni – Annie Ernaux

Il libro che spero mi accompagni in questa primavera è Gli anni di Annie Ernaux, con la sua brevità e la sua copertina azzurra. Libro già presente nella mia tbr del 2017. Perché leggerezza non vuol dire inconsistenza.

 

4. Primavera è rinascita. A quale libro ti fa pensare?

Annientamento -Jeff Vandermeer

La conoscono semplicemente come «la biologa». È una donna che non sa ancora di essere pronta a tutto. La corazza dietro cui nasconde la sua fragilità è fatta di segreti. Ma tutto ciò basterà a difenderla dal mistero che l’attende nell’Area X? Con la tensione del thriller, la visionarietà del fantastico e la profondità della grande letteratura, Jeff VanderMeer ha saputo raccontare le nuove, imminenti, antichissime, paure del nostro mondo.

Un romanzo fantascientifico affascinante e inquietante che rende centrali i temi della rinascita e del rapporto uomo-natura.

5. Si sa, primavera è anche meteo pazzerello. Qual è il libro più pazzo che possiedi?

Bassotuba non c’è – Paolo Nori

Sicuramente Bassotuba non c’è.

Un romanzo di non facile approccio ma che regala momenti di pura genialità nonsense. Da il meglio di sè letto ad alta voce, quasi recitato. Non ci si può non affezionare al protagionista Learco (e al suo angelo custode), che si racconta nella sua interezza, soprattutto nelle sue stranezze, con grande autoironia. La storia è fatta di banalità e quotidianità, ma riesce a regalare tanta comicità e qualche spunto di riflessione. Un racconto italianissimo in ogni suo riga.

6. Se un libro fosse una rosa rossa? (Rosa rossa=vero amore, passione)

Una storia romantica – Antonio Scurati

1848. La rivoluzione infiamma l’Europa. Milano insorge contro la dominazione austriaca. In soli cinque giorni un popolo conquista la libertà, una nazione nasce, un uomo e una donna si amano perdutamente. Per farlo, tradiscono tutti, rimanendo fedeli soltanto a se stessi, alla terribile purezza di un sentimento assoluto. 1885. Il senatore del Regno d’Italia Italo Morosini riceve un manoscritto anonimo. Quelle pagine, con la violenza del rinculo di una fucilata, lo sospingono indietro di quarant’anni, al momento fatidico in cui un manipolo di giovani male armati alzò le barricate per le strade di Milano e sconfisse l’esercito più potente del mondo, abbattendo a sassate l’aquila dell’impero asburgico. Ma in quelle pagine si racconta anche la bruciante passione d’amore che travolse la bella Aspasia, allora musa della rivolta, ora fedele e remissiva moglie del senatore. In un mondo invecchiato, in un’Europa insanguinata dal terrorismo anarchico, quando tutte le illusioni sembrano perdute e tutte le passioni spente, il destino picchia alla porta per la resa dei conti. Intrecciato a un potente quadro del nostro Risorgimento – l’epoca più eroica e dimenticata della nostra storia – ambientato e scritto come un romanzo ottocentesco, “Una storia romantica” parla in realtà di noi, di come, straziati da una dolorosa precarietà sentimentale, siamo condannati a vivere tra le rovine di un mondo che sognò gli ideali e gli amori assoluti.

7. Se un libro fosse un’orchidea? (Orchidea=eleganza, sensualità)

Venti poesie d’amore e una canzone disperata – Pablo Neruda

Venti poesie d’amore e una canzone disperata, ma in generale quasi tutte le poesie di Pablo Neruda.

Voglio fare con te
ciò che la primavera fa con i ciliegi.

 

8. Se un libro fosse una margherita? (Margherita=semplicità, purezza)

Maurizio Maggiani

Più che un libro, quando ho letto questa domanda, mi è venuta subito in mente la semplicità e la purezza della scrittura di Maggiani. Una prosa chiara, limpida che riesce a trasportarti nel suo immaginario.

 

9. Se un libro fosse una rosa gialla? (Rosa gialla=vergogna, gelosia)

Tony & Susan – Austin Wright

Ethan resta imbrigliato a causa di quello che gli altri pensano di lui, vergognandosi delle proprie azioni. Trovate la recensione completa qui.

 

10. Se un libro fosse una petunia? (Petunia=collera)

Ipazia muore – Maria Moneti Codigola

La collera che contraddistingue i fondamentalismi religiosi. La collera con cui gli uomini si accaniscono su di una donna. E la rabbia che provo quando leggo storie vere che parlano della stupidità umana. Se volete conoscere la vita di questa scienziata del V secolo d.C. potete leggere questo Pezzi d’Uomo a lei dedicato.

Voi come avreste risposto a queste domande? Mi piacerebbe poter leggere presto le vostre risposte.


Ecco i link per acquistare tutti i libri di cui vi ho parlato:

Segreti, bugie e cioccolato
Il magico potere del riordino. Il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita
Gli anni – Annie Ernaux
Annientamento. Trilogia dell’Area X: 1
Bassotuba non c’è
Una storia romantica
Venti poesie d’amore e una canzone disperata. Testo spagnolo a fronte
Tony & Susan
Ipazia muore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *